Nacque   a   Milano,   il   23   aprile   1813,   da   famiglia   francese,   che   vi   risiedeva   durante l'impero   napoleonico   e   che   ritornò   a   Lione,   di   dove   era   originaria,   nel   1815.   Compì   gli studi ordinari nel Collegio Reale di Lione non senza qualche momento di crisi spirituale. Nel   1831    si   trasferì   a   Parigi,   dove   all' Università   della   Sorbona    seguì   i   corsi   prima   di diritto e poi di lettere. Frequentò    subito    gli    ambienti    cattolici    e    letterari    della    capitale    e    conobbe importanti   personaggi   dell'epoca,   fra   cui   Chateaubriand,   Lacordaire,   Montalembert,   Saint- Beuve, Lamartine, Lamennais e altri. Il   23   aprile    1833    fu   nel   piccolo   gruppo   di   studenti   della   Sorbona   che   si   riuniva   per dare   inizio   alla   prima   "Conferenza   di   carità".   Lo   scopo   era   di   garantire   la   loro   amicizia sotto   il   segno   della   fede   e   della   carità   e,   attraverso   la   visita   ai   poveri   a   domicilio,   di testimoniare   in   modo   personale   ed   autentico   il   proprio   cristianesimo   contro   coloro   che affermavano   che   la   Chiesa   cattolica   era   ormai   superata   e   non   aveva   più   nulla   da   dire   agli uomini moderni. Fu   questa   l'iniziativa   che   diede   origine   alla   Società   di   San   Vincenzo   De   Paoli    e   che ebbe   uno   sviluppo   rapidissimo.   Ozanam   doveva   diventarne   il   principale   animatore   e guidarne questi primi sviluppi. Intanto,   su   vari   giornali   e   riviste,   egli   pubblicò   scritti   su   temi   religiosi   e   sociali   e   si impegnò   per   la   migliore   riuscita   della   grande   predicazione    quaresimale    a   Notre   Dame   dell' abate   Jean-Baptiste Henri Lacordaire , che infatti ebbe un vivissimo successo. Terminati   gli   studi,   rientrò   a   Lione   per   esercitare   l'attività   di   avvocato   ed   anche, per    un    breve    periodo,    l'insegnamento    alla    cattedra    di    Diritto    commerciale    di    quella Università. Nel   1840    ottenne   la   nomina   a   professore   di   Letterature   straniere   alla   Sorbona   di Parigi. L'anno successivo sposò Amelia Soulacroix, dalla quale nacque la figlia Maria. Il    suo    progetto    di    studi    gli    era    apparso    subito    chiaro:    impegnarsi    nella dimostrazione    della    verità    del    Cristianesimo    attraverso    l'analisi    della    storia    dell'alto Medioevo ,   quando   la   Chiesa   aveva   raccolto   l'eredità   migliore   dell'antichità   classica   e l'aveva   fatta   incontrare   con   i   popoli   germanici,   introducendovi   nuovi   pensieri,   arti   e costumi.   Il   punto   conclusivo   di   questa   età   storica   era   rappresentato   per   Ozanam   dal pensiero   e   dall'opera   poetica   di   Dante   Alighieri .   Egli   pubblicò   i   suoi   studi   in   numerosi volumi   frutto   del   suo   insegnamento   universitario,   che   vanno   dalla   Civiltà   cristiana   nel   secolo   ai   Poeti   francescani   in   Italia   nel   XIII   secolo   e   aDante   e   la   filosofia   cattolica   nel   XIII secolo. La   sua   attività   nel   campo   sociale   e   politico   non   venne   mai   meno   e   nel   1848 partecipò   insieme   a   Lacordaire   ed   Henri   Maret    alla   fondazione   del   famoso   giornale   L'Ere Nouvelle,   che,   se   ebbe   vita   breve,   fu   tuttavia   l'espressione   più   significativa   del   così   detto "cattolicesimo democratico francese". Con   la   precisa   intuizione   che   ai   problemi   politici   dell'epoca   si   sarebbero   presto sovrapposti   quelli   sociali,   Ozanam   con   molta   chiarezza   espresse   il   suo   pensiero   in   difesa degli    operai    e    del    proletariato    urbano,    criticando    sia    la    soluzione    del    liberalismo economico   fondato   sulla   concorrenza   illimitata,   sia   la   soluzione   saintsimoniana   e   socialista che   prometteva   la   soppressione   delle   sofferenze   con   il   rischio   della   soppressione   della libertà. Sosteneva   invece   un   tipo   di   società   fondata   sulla   proprietà   privata   come   risposta ad   un   bisogno   essenziale   dell'uomo,   un'organizzazione   del   lavoro   che   garantisse   un salario   sufficiente   agli   operai   e   alle   loro   famiglie,   una   adeguata   istruzione   ed   assistenza pubblica, forme di patronato fra i lavoratori, il rispetto del riposo domenicale, ecc. Sono   queste   alcune   delle   idee   che   lo   caratterizzano   come   uno   degli   iniziatori   del pensiero    sociale    della    Chiesa     ed    in    particolare    anticipatore    della    enciclica " Rerum Novarum ", che Leone XIII  pubblicherà nel 1891 . Nello   stesso   1848,   dopo   l'abdicazione   del   re,   Luigi   Filippo   D'Orléans ,   durante   i tumulti    a    Parigi    che    videro    l'uccisione    dell' Arcivescovo     della    città,    Monsignor Denis- Auguste   Affre    (1793-   1848),   che   aveva   cercato   di   interporsi   fra   le   barricate,   Ozanam   fece parte   della   Guardia   Nazionale,   che   doveva   garantire   la   legalità   del   governo   provvisorio. Nel   medesimo   anno   accettò   a   Lione   la   candidatura   politica   per   la   Costituente   Nazionale, facendo professione elettorale di democratico e di repubblicano. Ma non fu eletto. Continuò   invece   a   partecipare   alle   attività   della   Società   di   San   Vincenzo   De   Paoli, visitandone   spesso   le   Conferenze,   sia   in   Francia   sia   all'estero.   Egli   considerava   la   San Vincenzo   come   fondamentale   palestra   per   i   giovani,   in   preparazione   alla   loro   vita   sociale. "Avvicinarsi   alla   miseria,   toccarla   con   le   mani,   discernerne   le   cause   conoscendone   gli effetti   dal   vivo,   in   una   famigliarità   affettuosa   con   quelli   che   ne   sono   oppressi"   tale   doveva essere, secondo Ozanam, l'iniziazione ai problemi sociali. Conobbe   molto   bene   l'Italia   alla   quale   fu   sempre   molto   affezionato   e   dove   compì vari viaggi in periodi diversi, sia per motivi di studio, sia a carattere personale e religioso. Fu   grande   ammiratore   della   persona   di   papa    Pio   IX ,   che   lo   ricevette   in   udienza due   volte   e   che   egli   vedeva   come   il   grande   pontefice   che   avrebbe   riconciliato   la   Chiesa con la società moderna. Assieme   a   questa   vita   così   fortemente   e   cristianamente   impegnata,   egli   ebbe   una vita   intima   e   famigliare   di   grande   sensibilità   e   delicatezza,   non   priva   di   momenti   di grande   dolore;   fu   legato   anche   da   sentimenti   di   amicizia   con   molte   persone   del   suo ambiente   e   del   suo   lavoro,   amicizie   che   non   conobbero   incertezze   o   interruzioni,   ma furono vera condivisione di fede e di opere. La    sua    vita    fu    breve;    morì    a    soli    40    anni,    a    Marsiglia,    l'8    settembre    1853 ritornando   dall'Italia,   dove   aveva   invano   cercato   sollievo   ai   suoi   mali.   Le   sue   condizioni   di salute    negli    ultimi    anni    di    vita    furono,    infatti,    molto    precarie,    ma    egli    si    sacrificò, impegnandosi fino all'estremo soprattutto nell'insegnamento universitario. L'accettazione   della   malattia   sublimò   la   sua   vita,   quale   consapevole   offerta   a   Dio della   rinuncia   a   tutto   quanto   avrebbe   ancora   potuto   fare   ed   aumentò   in   una   significativa sintesi   il   suo   interessamento   per   la   Società   di   San   Vincenzo,   che   non   venne   mai   meno, anzi   in   qualche   modo   si   accrebbe   con   gli   anni   particolarmente   in   Italia   durante   il   suo ultimo soggiorno. La   Disquisitio   de   vita   et   actuositate   Servi   Dei   Francisci   Ozanam   a   cura   della Congregazione    per    le    cause    dei    Santi ,    pubblicata    a    Roma    nel    1980,    il    Decreto    di riconoscimento   del   grado   eroico   delle   virtù   teologali   e   cardinali   del   1993   ed   il   successivo riconoscimento   del   miracolo   attribuito   all'intercessione   del Servo   di   Dio ,   hanno   portato   alla sua   beatificazione    a   Parigi,   il   22   agosto    1997 ,   da   parte   del   Papa   Giovanni   Paolo   II ,   in occasione della XII Giornata Mondiale della Gioventù . Ricerche    e    studi    più    recenti    sulla    figura    e    la    santità    di    Ozanam    ne    hanno certamente   accresciuto   la   conoscenza   soprattutto   nel   contesto   del   suo   tempo,   ma   resta ugualmente   da   approfondire   il   suo   forte   carisma   di   profeta   dei   tempi   nuovi   e   la   sua attualità, che lo rendono, come ha affermato Giovanni Paolo II, « un modello ancora attuale dei giovani cristiani laici. » È   sepolto   nella   cripta   della   Chiesa   di   Saint-Joseph-des-Carmes ,   rue   de   Vaugirard, (Montparnasse) a Parigi.
BEATO FEDERICO OZANAM
FEDERICO OZANAM: L’IMPEGNO  SOCIALE E POLITICO   Ozanam   vive   nella   prima   metà   dell'800   (1813   -   1853) 1 .   La   sua   breve   vita   si sviluppa   in   un   periodo   storico   quanto   mai   complesso   e   difficile   sotto   tutti   i   profili:   politici, economici,   sociali,   letterari,   artistici,   religiosi,   ecc.   Con   il   crollo   di   Napoleone,   erano entrati   in   crisi   i   valori   e   principi   che   si   erano   affermati   attraverso   la   Rivoluzione   francese   e     il successivo impero, dando luogo al periodo della Restaurazione. Venivano   anche   affermandosi   quei   nuovi   modelli   culturali   e   sociali   che   sono compresi    sotto    il    nome    di    Romanticismo    e    si    era    avviata    anche    quella    enorme trasformazione   economica   che   fu   costituita   dalla   crescente   industrializzazione   dei   sistemi di   produzione.   La   stessa   Chiesa   cattolica   doveva   confrontarsi   con   le   nuove   realtà   sociali, politiche    e    culturali    emergenti,    anche    tra    le    molte    correnti    a    lei    interne,    spesso    in profondo   contrasto   tra   loro.   I   problemi   sociali   divenivano   sempre   più   gravi,   come   ben vide   Ozanam   e   difficile   banco   di   prova   per   i   cattolici.   La   prima   Rivoluzione   industriale infatti,    iniziata    in    Inghilterra    più    o    meno    nel    periodo    in    cui    in    Francia    scoppia    la rivoluzione    politica,    non    aveva    avuto    precedenti    simili    nella    storia    dell'umanità.    La popolazione   attiva   dalla   vita   contadina   e   di   campagna   diveniva   proletariato   nelle   grandi città e veniva a vivere nei grossi agglomerati urbani. A   Lione   il   giovane   Ozanam   aveva   avuto   occasione   di   osservare   direttamente   i drammatici   effetti   prodotti   dal   nuovo   sistema   di   produzione   industriale   sulle   condizioni   di vita   e   di   lavoro   delle   popolazioni.   Qui   -   più   e   prima   ancora   che   a   Parigi,   a   Rouen,   a   Lille   e negli   altri   centri   del   Nord   della   Francia   –   la   crisi   del   settore   agricolo   e   le   crescenti difficoltà   delle   tradizionali   imprese   artigiane   avevano   reso   possibile   il   costituirsi,   già   nel corso   degli   anni   Venti,   di   un   vasto   proletariato   urbano.   Esso   era   composto   in   massima parte   dagli   artigiani   e   dai   piccoli   datori   di   lavoro   caduti   in   rovina   e   dalle   fasce   più   deboli   e marginali   del   mondo   contadino,   attratte   in   città   dal   miraggio   di   un’occupazione   stabile   e di condizioni migliori di vita. Ozanam   va   a   Londra   nel   1851   e   esprime   tutta   la   sua   ammirazione   per   i   grandi sviluppi   della   scienza   e   della   tecnica,   ma   parimenti   tutta   la   sua   angoscia   per   i   poveri abitanti della grande periferia della città. E'    in    questo    contesto,    di    cui        è    totalmente    consapevole,    che    Ozanam    può affermare   e   sostenere   con   chiarezza   alcuni   fondamentali   diritti   della   persona,   che   lo rendono   anticipatore   e   profeta:   il   diritto   alla   proprietà   privata,   il   diritto   degli   operai   ad   un salario   sufficiente   per   sé   e   per   le   loro   famiglie,   i   patronati   per   i   lavoratori,   il   rispetto   del riposo   domenicale,   l'istruzione   e   l'assistenza   pubblica   per   i   poveri,   le   forme   di   tassazione progressiva, ecc. L'ATTIVITÀ SOCIALE L’immagine   che   ricorre   costantemente,   già   nelle   lettere   giovanili   di   Ozanam   ad amici   e   familiari,   è   quella   di   un   imminente,   drammatico   conflitto   fra   le   classi   sociali,   un conflitto   alimentato   da   un   “odio   inconciliabile”,   di   fronte   al   quale   la   coscienza   cristiana non    può    rimanere    indifferente.    L’esigenza    di    interporsi,    come    cristiani,    tra    i    due schieramenti,   e   di   operare   per   la   riconciliazione   tra   le   classi   e   per   il   superamento   degli egoismi   e   delle   gravi   ingiustizie   che   caratterizzano   la   vita   sociale,   diventa   in   lui   una costante preoccupazione.    La   sua   attività   si   espresse   con   continuità   anche   attraverso   la   collaborazione   a vari   giornali   e   riviste   cattoliche.   In   particolare   nel   1848   egli   partecipò   insieme   all'Abate Lacordaire   e   ad   Henry   Maret,   alla   fondazione   del   famoso   giornale   "L'Ère   Nouvelle",   che, se    ebbe    breve    durata,    fu    tuttavia    l'espressione    più    significativa    del    Cattolicesimo democratico   francese.   Vi   si   sostenevano   tesi   come   quelle   sopra   accennate,   che   sono concordemente   ritenute   precorritrici   del   pensiero   sociale   cattolico   e   della   Enciclica   "Rerum novarum" del 1891.  L'IMPEGNO POLITICO      Il   medesimo   impegno   e   la   medesima   convinzione   egli   portò   nella   sua   breve,   ma intensa,   esperienza   politica.      Nel   1848   dopo   la   caduta   della   monarchia,   accettò,   infatti, dietro   le   insistenze   degli   amici   e   degli   estimatori,   la   candidatura   a   Lione   per   l'Assemblea costituente, facendo professione di fede democratica e repubblicana.  Tuttavia non fu eletto.    È   di   questo   periodo   l'espressione   di   Ozanam   "Passiamo   ai   barbari!",   cioè   le nuove   forze   ed   idee   protagoniste   delle   grandi   rivoluzioni,   che   allora   apparivano   del   tutto estranee   al   Cristianesimo,   erano   in   realtà   portatrici   di   nuove   esigenze   di   libertà   e   di giustizia.   Occorreva   un   nuovo   avvento   del   Vangelo   e   occorreva   farsi   carico   del   dramma delle classi operaie e diseredate 2 .      Su   queste   linee   l'attualità   di   Ozanam   è   evidente   per   le   sue   intuizioni   di   fronte   ai grandi   problemi   del   suo   tempo,   per   il   ruolo   che   egli   affida   alle   stesse   Conferenze   di   San Vincenzo,   che   va   sempre   rinnovato   in   rapporto   al   mutare   dei   bisogni   e   per   la   convinta testimonianza   della   fede   che   guida   la   storia   dell'uomo   verso   il   compimento   della   Città celeste.   Ma   se   le   Conferenze   dovevano   rappresentare,   e   rappresentano,   il   segno   più   vivo della   sua   santità   attraverso   una   storia   che   arriva   fino   ad   oggi,   Ozanam   è   stato   ancora   di più,   una   forte   personalità   di   cristiano   impegnato   ad   "instaurare   il   Vangelo   nel   mondo temporale",   in   tutti   i   campi   che   furono   di   sua   competenza.   E   questo   costituisce   lo specifico della sua spiritualità di laico, ed il segno appunto della sua fortissima attualità.   1) Per una breve biografia di Federico Ozanam si veda il n. 2 (dicembre 2003) di NOTIZIE DALLA FONDAZIONE: Il centocinquantesimo della morte di A. F. Ozanam (1853) di Cesare Guasco. 2) Alcune sintesi del pensiero sociale e politico di F. Ozanam si trovano in: Marco Bersani: Il pensiero sociale di Federico Ozanam  in CESARE GUASCO (a cura di): Federico Ozanam. Un laico tra carità e cultura, Ed. Vincenziane, Roma 1997, pag.113 Roberto Sani: Ozanam e il problema della povertà nell’Ottocento, in CLAUDIA FRANCESCHINI (a cura di): Federico Ozanam e il suo tempo, Soc. Ed. Il Mulino, Bologna 1999, pag. 137.
GLI SCRITTI DI FEDERICO OZANAM Gli scritti di Federico Ozanam sono  raccolti  in: Oeuvres complètes de A.F. Ozanam, Paris, Lecoffre et Cie, 1855­1865, 11 voll.  Dal 1872 esistono edizioni  successive  presso gli stessi editori.  In dettaglio:  Vol. I e II: La Civilisation au cinquième siècle.  Vol. III e IV: Etudes germaniques. Vol. V: Les poètes franciscains en Italie au treizième siècle,   seguito da: Les sources poétiques de la Divine Comédie. Vol. VI: Dante et la philosophie catholique au treizième siècle.  Vol. VII e VIII: Mélanges. Si  tratta di studi di varia  natura, tra cui:  Un pèlerinage au pays du Cid;  vari articoli apparsi  su «L'Ère Nouvelle» ; "Réflexions sur la doctrine di  Saint Simon"; "Discours sur la puissance du travail"; "Discours aux Conférences de Saint Vincent de Paul"; "Du Protestantisme dans ses rapports avec la liberté"; "Des biens de l'Église", ed altri ancora. Vol. IX: Le Purgatoire de   Dante,  traduction et commentaire.  Vol. X ed XI:  Lettres  (per  l'edizione completa delle Lettere  si  veda in  seguito). Fuori delle Oeuvres  complètes,  sono da  citare: Documents inédits pour servir a l'histoire littéraire de l'Italie, depuis le huitième siècle jusqu'au treizième, Paris, Lecoffre, 1850. Le livre des malades. Lectures tirées de l'Écriture sainte,  Paris, Lecoffre, 1858. Una edizione completa delle "Lettere" è stata pubblicata recentemente in edizione francese:  Lettres  de  Frédéric Ozanam  (Edition critique sous  la  direction de  Didier  Ozanam) voll. 5, Paris,  Ed. div. Si tratta di oltre 1450 lettere indirizzate a familiari, amici e molti personaggi francesi e stranieri, che rappresentano una fonte notevolissima per la conoscenza non solo della vita di Ozanam, ma anche di molte vicende del suo tempo. Ogni volume è preceduto da un ampio  "Avant-propos". In edizione italiana esistono:                    La civiltà del V secolo, Battezzati, Milano, 1857 (o an­che presso: Tip. Salesiana, Torino, 1891) oppure sotto altro titolo: La civiltà cristiana nel suo primo formarsi (il V  sec.) SEI, Torino, 1933. Le scuole e l'istruzione in Italia nel Medioevo,  Sansoni, Firenze, 1895; (estratto dal II  vol.  delle  Oeuvres complètes). Dante e la filosofia cattolica nel XIII secolo,  Tip.  Manfredi, (s. località), 1841, (oppure presso:  Soc.  tipogr. dei classici italiani, Milano, 1841) o sotto altro titolo: La filosofia di Dante, Ed. Il Solco, Città di Castello, 1923. I   poeti francescani in Italia nel sec.  XIII, Tip.  Alberghetti, Prato, 1854.  Un'ampia scelta delle "Lettere" è in: Federico Ozanam: Lettere, a cura di mons. Nicola Pavoni, Città del Vaticano, Tipografia Vaticana, 1994, 2a e in: Federico Ozanam: La mia vita, a cura di Mons. Nicola Pavoni, Città del Vaticano, Libreria ed. Vaticana, 1999.  Ozanam in Italia  (dalle lettere) a cura di Cesare Guasco, ed AVE, Roma, 2000. Una buona antologia del pensiero di Ozanam si trova in: Il Pensiero di Ozanam (pensieri sulla vita cristiana rac­colti da S.E.  Mons.  Villepelet, Vescovo di  Nantes),  versione italiana di Augusto Baroni, Casale M., Marietti, 1950.
FONDAZIONE BEATO FEDERICO OZANAM SAN VINCENZO DE PAOLI ONLUS Eretta in Ente Morale con D. M. del 27/1/ 2000 Studi - Ricerche - Iniziative di Solidarietà